Fridays For Future • Italia
1.72K members
663 photos
53 videos
386 links
🔴 Il canale ufficiale di Fridays For Future Italia aperto a tutte e tutti!

www.fridaysforfutureitalia.it
www.facebook.com/FridaysItalia
www.instagram.com/fridaysforfutureitalia
www.twitter.com/fffitalia

📩 Scrivici a italia@fridaysforfuture.org
Download Telegram
to view and join the conversation
#YourVillageForFuture

Ti saresti aspettato di trovare attivisti di FFF anche in piccoli paesi come questi?⠀

📣 Chiunque può diventare uno striker, basta un cartello! Il 9 ottobre scendi in piazza con noi per chiedere Giustizia Climatica ora!⠀

📸 Se non sei ancora riuscito a scattare la tua foto sotto il cartello del tuo paese non c'è problema, continueremo a raccoglierle anche nei prossimi giorni.⠀

🌍 Siamo ovunque, e insieme possiamo cambiare tutto!
📣 Manca sempre meno al 9 ottobre! Sarà un #ClimateStrike diverso dal solito, ma la nostra consapevolezza e rabbia sono sempre più grandi.

🔥 Le foreste stanno bruciando

🧊 I ghiacciai sulle montagne si stanno fondendo

💧 L'acqua dei fiumi diventa sempre più scarsa

☀️ Intere regioni del nostro paese sono a rischio desertificazione

👨‍👩‍👧‍👧 Milioni di persone devono abbandonare la loro casa

🌎 Non possiamo più chiudere gli occhi: fai sentire la tua voce contro le ingiustizie climatiche il #9ottobre IN TUTTA ITALIA! C'è in gioco il nostro futuro!

#climatestrike
#climatejustice
#fridaysforfuture
++ BREAKING! NUOVO RAPPORTO CMCC: IL RISCHIO CLIMATICO IN ITALIA ++

🧾 Il #CMCC, referente in Italia dell'IPCC, ha pubblicato una nuova, scioccante analisi dei rischi climatici che si prospettano per l’Italia a causa del surriscaldamento globale.

📈 Purtroppo le spaventose prospettive snocciolate dagli esperti sulla base dei più aggiornati dati, con impatti pesantissimi anche nella più “rosea” ipotesi di alterazione climatica presa in esame, hanno meritato poche righe su qualche testata, sono cadute nel solito vuoto mediatico sull’emergenza climatica.

🚨 Ma trattandosi del nostro futuro, noi non ci possiamo permettere il lusso di sorvolare. I danni economici, sociali e del territorio che il rapporto prospetta per ogni regione e settore del paese sono senza precedenti. E ci toccheranno prima di quanto possiate immaginare: leggere per credere.

💧 L'acqua a nostra disposizione sarà quasi dimezzata (-40%) entro il 2080.

🔥 Gli incendi boschivi aumenteranno del 20%, in tutti gli scenari analizzati.

🛑 Ci sarà un forte aumento del rischio idrogeologico per 7 milioni di persone, che già oggi vivono o lavorano in aree ad “alta pericolosità” per il dissesto idrogeologico. Pensate che il 91% dei comuni italiani è a rischio frane e alluvioni!

⚠️ C’è poi un aspetto che noi non ci spieghiamo: nell’analisi è stato scelto di escludere l’unico scenario climatico dell'IPCC - il "RCP 1.9" - che corrisponde a quanto concordato come obiettivo dai governi di tutto il mondo durante gli Accordi di Parigi: ovvero quello che limita il surriscaldamento globale ad un massimo di +1,5°C... quasi fosse ormai inarrivabile...

‼️ Ci aspettiamo che il ministro Costa in persona rassicuri gli scienziati del CMCC (e all’occasione anche noi e l’Italia tutta) che questo esecutivo manterrà quanto siglato a Parigi, che non sarà lui a gettare la spugna, consegnandoci alla condanna climatica collettiva. Non ce lo possiamo permettere!

ℹ️ Fonti:
• il rapporto CMCC
• articolo FQ
🤝 Gli accordi di Parigi impegnano i Paesi a mantenere il riscaldamento globale il più possibile sotto ai 2°C rispetto all'era pre industriale.

👩‍🔬 Secondo gli scienziati però è vitale non superare 1,5°C. Mezzo grado per noi umani sembra poco. Per la biosfera è moltissimo.
E oggi abbiamo già raggiunto +1,28°, e le emissioni non stanno calando.

Arrivare a 2° sarebbe troppo rischioso: ecco qualche esempio di cosa cambierebbe ⤵️
🧊 L'#Artico in estate sarebbe libero dai ghiacci un anno ogni 10 (e non ogni 100 come sarebbe con 1,5° di aumento).
🌊 Il livello dei #mari aumenterebbe non di 40 ma di 46 centimetri.
😱 A 1,5° sono a rischio 69 milioni di persone, 79 milioni a 2°.
🦋 E un quinto degli insetti, il 16% delle piante, l'8% dei vertebrati vedranno ridotte della metà le aree in cui vivere.
🌽 I raccolti passano da una perdita del 3% a una del 7%, con un aumento di 0,5°.
💸 Sotto 1,5° le perdite del PIL globale saranno pari allo 0.3%, a 2° arriveranno a 0.5%.

Non possiamo accettare il consiglio dell'accordo di Parigi di stare entro i 2° di aumento delle temperature. Non possiamo giocare con le #vite delle persone. Deve essere imperativo rimanere sotto 1,5°.
Per farlo non è più possibile aspettare accordi e #compromessi.

🗞Fonte:
IPCC, report speciale su 1,5°C di riscaldamento globale
TIC TOC

Questo è l'avanzare imponente del nostro Climate Clock, che ci ricorda che abbiamo solo 7 anni e 4 mesi prima di esaurire il #carbonbudget e rendere il cambiamento climatico un processo irreversibile...

TIC TOC, TIC TOC

Ma è anche il suono della #rivoluzione, una rivoluzione che sta nascendo dentro tutti noi e sta crescendo sempre più forte in tutto il mondo. Una rivoluzione inarrestabile, giovane, spinta dal primitivo istinto di sopravvivenza e che lascia a chi sta distruggendo questo Pianeta le ore contate.

🗓Manca sempre meno alle prossime mobilitazioni: il tempo sta finendo e noi questo non lo possiamo permettere.

🇮🇹 VENERDÌ 9 ottobre: SCIOPERO NAZIONALE PER IL CLIMA IN TUTTA ITALIA

Come partecipare?
Unisciti allo sciopero italiano venerdì 9 ottobre!

Cerca la piazza più vicina a te sulla mappa nazionale: https://goo.gl/wdFuoQ


Time is running out.

Credits: Ilaria delBono

#fridaysforfuture #globalstrike #peoplepower #climatestrike #fightforjustice #climateclock #carbonbudget #systemchange
🌐 Ci vediamo il #25settembre e il #9ottobre nelle strade del mondo!

#Memercoledì @meganjherbert
Media is too big
VIEW IN TELEGRAM
+++BREAKING: FFF ITALIA INTERVIENE AL SENATO+++

👨‍🎨 Lunedì Fridays For Future è intervenuto durante l'evento ArtEClima, organizzato al senato dalla sen. Montevecchi, alla presenza del ministro Costa

🗣Ancora una volta ci siamo confrontati con la politica, una politica inetta, addormentata, che non percepisce l'urgenza di affrontare la crisi climatica secondo le scadenze dettate dalla scienza.

Abbiamo solo 7 anni e 4 mesi prima che il processo diventi irreversibile. Da li in poi le cose potranno solo peggiorare, ma quando ce ne renderemo conto sarà troppo tardi.

👉Guarda l'intervento completo sul nostro canale youtube: https://youtu.be/oXXnjiXvM4U

#fridaysforfutureitalia #senato #crisiclimatica