Fridays For Future • Italia
1.68K members
535 photos
44 videos
338 links
🔴 Il canale ufficiale di Fridays For Future Italia aperto a tutte e tutti!

www.fridaysforfutureitalia.it
www.facebook.com/FridaysItalia
www.instagram.com/fridaysforfutureitalia
www.twitter.com/fffitalia

📩 Scrivici a italia@fridaysforfuture.org
Download Telegram
to view and join the conversation
🦠L’emergenza sanitaria è solo la punta dell’iceberg di un sistema in #crisi. L’uomo sta distruggendo e devastando gli ecosistemi, modificando gli equilibri naturali per sempre.

🆘 Nuovi virus, nuove pandemie sono in agguato. La peggiore? La #CrisiClimatica. Il suo vaccino? L’azzeramento delle #emissioni di CO2 a livello europeo entro il 2030 e a livello mondiale entro il 2050.

#memercoledì #fridaysforfutureitalia #pandemia
“Il mondo ha sei mesi di tempo, in questo 2020, per scongiurare la crisi climatica.”

🚨 No, non si tratta di una frase pronunciata da Greta Thunberg, né da altri attivisti per il clima. È stato Fatih Birol, direttore esecutivo dell'Agenzia Internazionale dell'Energia, ad avvertirci che i prossimi 6 mesi saranno decisivi per cambiare il corso della crisi climatica ed evitare che la ripresa dopo il #coronavirus provochi un nuovo rimbalzo delle emissioni climalteranti. Se ciò dovesse succedere, qualsiasi sforzo di prevenire catastrofi climatiche sarebbe del tutto #inutile. Avremmo fallito.

🇪🇺 L'UE ha da poco annunciato il piano per il #RecoveryFund “Next Generation EU”, il fondo di €750 miliardi che darà anche impulso al Green New Deal europeo. Secondo la presidente Von der Leyen, il piano garantirà la transizione verso “un’Unione climaticamente neutra, digitale e sociale.”
Ma... siamo sicuri che sia così?

👉 Da un lato, la Commissione sembra iniziare ad imboccare la strada giusta: il 25% del totale delle risorse finanziarie del bilancio 2021-2027 verrà destinato all’azione per il clima.

💡 Lo strumento maggiore presente nel piano è il Dispositivo europeo per la ripresa e la resilienza (Recovery and Resilience Facility - RRF) di €560 miliardi creato per supportare riforme strutturali negli Stati Membri, ponendo la #sostenibilità ambientale tra le condizionalità per accedere alle risorse. I piani nazionali presentati dagli Stati Membri devono quindi tenere conto della #transizione verde e digitale negli investimenti da qui a 4 anni.

🔌 La commissione punta inoltre ad investire su infrastrutture sostenibili, creare un milione di posti di lavoro verdi, incrementare il numero di punti di ricarica per i veicoli elettrici.

Perfetto quindi. Siamo a cavallo.

Se non fosse che...

🆘 L'Ue intende continuare ad investire nel #metano e nella costruzione di nuovi gasdotti presentando il gas naturale come “carburante di transizione” verso un'Europa a zero emissioni.

⭕️ Sembrerebbe uno scherzo: come possiamo azzerare le emissioni puntando su un gas estratto e smerciato dai soliti giganti del #carbonfossile che inoltre ha un #effettoserra diretto molto peggiore della CO2? Vogliamo davvero incatenare l’economia a un modello che con miliardi di euro in gasdotti emargina, anziché centrarle fin da subito, le fonti #rinnovabili?

⚠️ Nel piano per il Recovery Fund ci sono inoltre due gravissimi assenti: clausole ambientali che obblighino all' #abbandono completo dei settori inquinanti e offrano garanzie per investimenti sostenibili, nonché impegno concreto a obbiettivi verso l’ #azzeramento delle emissioni al 2030, come già convenuto nell’Accordo di Parigi, per rimanere al di sotto di +1.5°C.

Restano solo 6 mesi per partorire un Green New Deal enormemente più ambizioso che sia in linea con la portata del #collasso climatico ed ecologico e che affronti la #crisi climatica trattandola come tale.

🎯 Sono sei mesi in cui l’UE si gioca il tutto per tutto. E il nostro futuro non può essere un gioco d’azzardo.

#fridaysforfutureitalia #recoveryfound #crisiclimatica

Fonti:
Duegradi
The Guardian
EuNews
⚠️ Spesso si pensa alla crisi climatica come qualcosa che arriverà fra decenni, se non secoli. In realtà la crisi climatica È GIA QUI: per accorgersene, basta chiedere ai nostri agricoltori.

💸 In 10 anni i danni economici causati dalle conseguenze dirette della crisi climatica in Italia, solo per il settore agricolo, sono stimati in 14 MILIARDI DI EURO.

🍎 Per questa stagione il risultato è la perdita di UN FRUTTO SU TRE, e la perdita del lavoro di un intero anno in molte aziende agricole.

Gli effetti della #CrisiClimatica sono già qui e ora, e l'inazione delle persone al potere li sta amplificando giorno dopo giorno.

📣 Sei un agricoltore? Stai sperimentando in prima persona questi drammatici cambiamenti? Raccontaci la tua esperienza: mandaci un messaggio in privato!

📝 Per saperne di più:
Coldiretti
💥 #ScioperoPerIlClima #99: ESPONITI E PARTECIPA OGNI VENERDÌ CON IL TUO CARTELLO!

“Il potere delle persone è più forte delle persone al potere”

🌍Il primo sciopero per il clima è stato 99 venerdì fa... partito da Greta Thunberg, ogni #Venerdì ci fermiamo seguendo il suo esempio per chiedere ai decisori politici di rispettare gli Accordi di Parigi, affrontando la #CrisiClimatica e garantendoci un #Futuro.

Questa crisi minaccia la #sopravvivenza dell’umanità intera e i suoi impatti stanno già devastando territori e persone ovunque nel mondo.

La politica sta fallendo ma l’umanità non ha ancora fallito.

🐲 Diventiamo #miliardidiattivisti e convinciamo i nostri leader politici ad agire!

Chiunque tu sia, studente, mamma, nonna, zio, agricoltore, lavoratore, migrante, che tu sia già colpito dalla crisi climatica o dalle ingiustizie ormai insostenibili di questo #sistema che chiediamo a gran voce di cambiare: esponiti!

💥Partecipa ai #FridaysForFuture: fermati ogni Venerdì, scattati una foto con un cartello e pubblicala sui tuoi social con l’hashtag #ScioperoPerIlClima
Il Venerdì successivo pubblicheremo quello che ci colpirà di più.

👁 Davanti alla cecità dei mass media che non ci stanno informando e della politica che non sta agendo con l’urgenza e l’efficacia necessarie, ma continuano ad anteporre la logica del profitto alla salute delle persone...

👤 l’azione #individuale più potente che possiamo fare è informarci e condividere le informazioni con i nostri conoscenti e sulle nostre piattaforme;
👥 l’azione #collettiva più importante è attivarci, partecipare alle iniziative che permettono di esporci in massa, e soprattutto: scendere in piazza.

👉🏾Segui i nostri canali.
👉🏽Qui trovi tutti i modi per partecipare e informarti:
https://www.fridaysforfutureitalia.it/partecipa


😍Cartello della settimana: @giulia.aletti


#FridaysForFuture #ScioperoPerilClima #SetteAnni
#ABillionClimateActivists
#peoplepower
#systemchange
#collassoclimatico
#collassosociale
#tellthetruth

(Grafica: @ecowithem_)
UNA DELLE SPECIE PIÙ ANTICHE DEL PIANETA NON SOPRAVVIVERÀ ALLA CRISI CLIMATICA

🌿 L'iconica specie #primordiale Welwitschia mirabilis/bainesii, che vive in una ristretta zona del deserto del Namib, non sopravviverà a questo #clima stravolto. Lo rivela uno studio di Terrestrial ecosystems, guidato dal ricercatore Pierluigi Bombi del CNR.

🦕 Considerata uno dei rari "fossili viventi", e già protagonista del progetto artistico-scientifico di Rachel Sussman, The Oldest Living Things in the World, questo singolare albero appartenente alle gimnosperme, una proto-conifera, sembrava una delle specie più adatte a reggere le condizioni estreme dell'arido deserto della Namibia, come confermato da Bombi: "La welwitschia è presente nell'area dell'attuale deserto del Namib da milioni di anni. Ci sono fossili di piante estremamente simili all'odierna welwitschia risalenti all'epoca dei dinosauri, quando Africa e Sud America erano ancora unite e il clima non era desertico. Quindi, ha resistito a sconvolgimenti incredibili che l'hanno portata a sopravvivere in uno dei deserti più estremi del mondo. Oggi i cambiamenti climatici stanno minacciando questa specie tanto da determinare un alto rischio di estinzione di alcune popolazioni."

👉 Ovvero: l'incombente #CrisiClimatica antropogenica, senza urgentissime misure per azzerare immediatamente le emissioni di CO2, spazzerà via anche questa specie, una tra le più #longeve del pianeta.

La sesta #estinzione di massa sta avanzando a causa di un modo sbagliato di stare al mondo. Le scoperte della #scienza ci indicano chiaramente quanto sia insostenibile questa rotta. Quanti altri danni al nostro ecosistema devono ancora avvenire, prima che si agisca con l’urgenza che sappiamo ormai essere indispensabile?

(credit immagine: R. Sussman @_sussman_)

#SestaEstinzioneDiMassa #FridaysForFuture #UniteBehindTheScience

🗞 Fonti:
- preprint dei risultati della ricerca
- preprint della classificazione ad altissimo rischio di estinzione della specie
- ENG sugli esiti della ricerca
- il progetto: The Oldest Living Things in the World
- Welwitschia mirabilis, Wikipedia
+++ASCOLTA IL PODCAST DI FRIDAYS FOR FUTURE BERGAMO SUL PROCESSO OPL 245+++

⚖️ La scorsa settimana è ripartito il processo #OPL245, che vede Eni e Shell indagate per corruzione internazionale. L'accusa? Il pagamento di una maxi-tangente - la più alta tangente mai pagata - da 1,1 miliardi di dollari per l'ottenimento del mega giacimento petrolifero nel Delta del Niger.

🧐 Cosa sappiamo di questa vicenda? Quali sono tutti gli attori coinvolti? Perché l'impatto dell'industria del #fossile va addirittura oltre l'inquinamento e la devastazione ambientale?

🎙 Ascolta questo podcast del programma "Semi" in cui i ragazzi di Fridays For Future Bergamo intervistano Alessandro Runci e Antonio Tricarico di Re:Common.

🔸 Spotify: https://open.spotify.com/episode/7HZjLqginfXfav8YL3HK8B
🔸 Apple Podcast: https://podcasts.apple.com/it/podcast/semi/id1511784793
🔸 YouTube: https://youtu.be/wHcSN-c-n1w

📩 Se ti va, dopo aver ascoltato il podcast, lasciaci un feedback a questo link: https://forms.gle/aEsiYBvrTV2vwuYC8

Buon ascolto!
+++ LA CINA STA SPERIMENTANDO LE ALLUVIONI PEGGIORI DELLA SUA STORIA RECENTE | VIDEO +++

🇨🇳 Dalla fine di maggio ad oggi, diverse regioni cinesi sono colpite da alluvioni senza precedenti. Le piogge torrenziali stanno riempiendo i fiumi in maniera anomala, allagando molte delle città che si trovano lungo il loro corso.

🏠 Pensate che, in alcune regioni, l'Allarme rosso emesso dalle autorità cinesi metteva in guardia le persone che abitavano fino al 4º piano degli edifici, poiché i loro appartamenti rischiavano di essere sommersi.

🌊 Come ammesso anche dal governo cinese, queste alluvioni sono direttamente collegate alla #CrisiClimatica, che ha reso il Paese molto più #vulnerabile.

⌛️ Appena uscita dalla tremenda crisi #sanitaria, quindi, torna sotto gli occhi di tutti che quella #climatica non se n'era mai andata. Ma la Cina non sarà la sola: riusciranno i nostri governi a capire che devono agire ora? Dobbiamo uscire da questa crisi sanitaria puntando sulla riconversione ecologica, o non avremo più tempo!

📝 Scopri di più su:
Channel News Asia
Meteoweb
Cina in Italia
[ 🎬 video: Fragrant Mandarin]
💪🏻 "Activism works." 💪🏿

💥 Noi ci crediamo davvero. Ma abbiamo buone ragioni per farlo!

💯 Il nostro @gio_sadventures ci racconta sei occasioni in cui l'attivismo è stato determinante per alcune scelte politiche in tutto il mondo. Sperando di poter ottenere molto altro, molto presto.

🎧 Per ascoltare "Emergenza cliMattina", il #podcast mattutino in leggerezza sull'emergenza #climatica, cercalo su Spotify oppure ascoltalo su Spreaker al link ⤵️

https://www.spreaker.com/user/giomori/24-seibuonenotizie

https://www.spreaker.com/show/emergenza-climattina
⚠️ Qual è l’ultima trovata di #ENI per continuare a guadagnare a scapito della salute delle persone e dei territori?

🔊 Ce lo dicono le attiviste e gli attivisti di #fridaysforfuture Pisa, Livorno, Carrara, Firenze con il coordinamento Rifiuti Zero e oltre 30 movimenti e associazioni: sabato scorso si sono mobilitati davanti alla raffineria di Stagno per opporsi alla costruzione di un nuovo gassificatore, da parte di Eni e con il lasciapassare della Regione Toscana.

«Stagno sopporta già la presenza di un impianto che produce ogni anno 5.2 megatonnellate di idrocarburi, con le conseguenti emissioni maleodoranti, #cancerogene e #climalteranti.

Vogliamo che nel 2020 nessuno sia ancora sottoposto al #ricatto salute-lavoro.

📣 Ci uniamo all’appello degli attivisti e delle attiviste che denunciano la ricaduta su un intero territorio di una politica energetica e di gestione dei rifiuti miope e devastatrice.

«L’idea di produrre metanolo con le plastiche non va in alcun modo nella direzione di una riduzione dei rifiuti e di una “economia circolare”, come invece proclamano ENI e Regione Toscana usando uno slogan del tutto ingannevole e fuorviante.

⚠️ La Regione Toscana ha dichiarato per prima in Italia l'#emergenzaclimatica. Che mantenga l'impegno preso, investendo piuttosto in un nuovo piano regionale per la gestione dei rifiuti e la bonifica del territorio.

🔥 #ciavvelEni, ma noi siamo l'antidoto!